Crea sito

Garmin Dash Cam 35 recensione

Garmin Dash Cam 35 è il modello di punta di Garmin ed è quasi perfetta come dashcam. Include un sistema GPS integrato, una telecamera ad alta definizione e uno schermo ampio da 3 “. La videocamera registra in risoluzione 1080p a 30 fotogrammi al secondo, offrendo un’immagine eccellente e chiara per la registrazione del viaggio. Il suo angolo di visione a 180 gradi ed è all’avanguardia; otterrai la rappresentazione più accurata della strada da percorrere nelle tue registrazioni.  Si trova in offerta su Amazon ad un prezzo interessante.

Questa dash cam registrerà all’incirca un’ora di riprese alla volta alla massima risoluzione (4 Gb di storage) , possiamo incrementare il minutaggio acquistando una scheda MicroSD da 64 gigabyte (venduta separatamente), che è un investimento assolutamente utile per coloro che effettuano regolarmente viaggi più lunghi. In questo caso possiamo arrivare anche a 12 ore di registrazione in full hd.

La Garmin Dash Cam 35 va ben oltre le solite caratteristiche di una dash cam. Per una maggiore sicurezza al volante, il Garmin 35 include un avviso di collisione in avanti che suona se la propria auto è troppo vicina all’automobile che precede. La Dash Cam 35 ha una tecnologia di rilevamento degli incidenti che registrerà automaticamente in caso di collisione.

Le segnalazioni di luci rosse e autovelox ti possono avvisare in anticipo di potenziali insidie ​​sulla strada. Si noti che la funzione di avviso autovelox richiede un abbonamento e potrebbe essere illegale da utilizzare in alcune giurisdizioni. Per quelli nelle giurisdizioni applicabili, potrebbe essere una funzione veramente utile che ti aiuterà a evitare problemi legali.

Infine, come bonus aggiuntivo, questa dash cam può essere utilizzata per scattare foto dall’interno o dall’esterno dell’auto al fine di valutare i danni da incidente. Nel complesso, è una delle migliori dash cam sul mercato e la chiara scelta high-end per il 2018.

Gli avvisi di collisione in avanti utilizzano la fotocamera per rilevare quanto sei vicino al veicolo che ti precede, notificandoti se la distanza è troppo bassa per la tua velocità attuale. Vi fa apparire un avvertimento. Beh, in teoria lo fa. Non sono riuscito a farlo scattare durante i test, anche se sono stato attento a testare questa funzione troppo sulle strade pubbliche nel caso in cui avessi provocato un incidente stradale da un altro pilota.

BlackVue DR650S recensione

Blackvue è sicuramente la marca piú prestigiosa e costosa nel comparto delle dashcam per auto. I prodotti sono di alta qualità e si pongono al top del livello. Difficile trovare un modello che costi meno di 200 euro, ma il costo è ben giustificato dall’ alta qualità del sensore ottico e dalla fattezza in generale. La potete trovare spesso in OFFERTA SU AMAZON.

Le differenze con il modello DR650GW sono in realtà minime,vediamo coda hanno in comune, e cosa invece è cambiato. Attualmente sul mercato è arrivata anche la BLACKVUE DR900S a due canali, doppia telecamera anteriore e posteriore.

Nuove funzionalità della DR650S

  • Il LED della fotocamera posteriore può essere disattivato in modo permanente nelle impostazioni
  • L’immagine posteriore può essere capovolta
  • La registrazione della telecamera posteriore , nel caso scegliessimo il modello con doppia telecamera, può essere disattivata completamente in modalità parcheggio. Ciò migliora la durata della batteria ed è utile, ad esempio quando si parcheggia davanti ad un muro
  • Quando viene rilevato un impatto in modalità parcheggio, riceverai un avviso vocale una volta che accendi il motore dell’auto.

involucro

Il fattore di forma dell modello, bullet, della fotocamera e i materiali rimangono invariati. La fotocamera supporta il Wi-Fi e la connettività BlackVue Cloud. BlackVue Cloud è un servizio disponibile esclusivamente da BlackVue che ti consente di guardare i tuoi filmati di dash cam live su Internet, da qualsiasi parte del mondo.

Qualità dell’immagine

Secondo il produttore, la serie DR650S e la serie DR650GW sono molto vicine in termini di specifiche. Pertanto, la qualità dell’immagine del DR650S è identica a un DR650GW con il firmware più recente (versione 2.x e successive).

DR650S-1CH

È disponibile anche una versione a canale singolo di questa fotocamera, denominata BlackVue DR650S-1CH. Diversamente dal fatto di non avere una fotocamera posteriore, questa fotocamera è la stessa della DR650S-2CH. Assicurati di non confondere i due, poiché i loro nomi sono abbastanza simili: la versione 1CH costa meno, ma non ha la possibilità di collegare una telecamera posteriore.

Conclusione

BlackVue è uno dei principali produttori di cam car frontali e posteriori. Con il loro servizio Over-the-Cloud, i loro modelli sono probabilmente anche i più innovativi di tutte le marche di dashcam

Tieni presente che se possiedi già un DR650GW, non vale la pena eseguire l’upgrade al DR650S, poiché le differenze tra le due versioni sono minime.

Se non si dispone di un DR650GW, il DR650S-2CH è sicuramente un acquisto consigliato e uno dei nostri preferiti per il 2018 proprio come il suo predecessore.

BlackVue dr750s

nuovo modello avanzato con alcune differenti rilevanti che hanno entusiasmato chi l’ha provata. Qui sotto un video di una recensione della blackvue testata su una splendida TESLA

 

Come evitare il furto dell’ auto Consigli

In Italia sono stati denunciati 108.400 furti d’auto (dati istati realtivi all’intero anno solare 2016), un numero considerevole seppur in lieve diminuzione rispetto all’ anno precedente. Si tratta comunque di cifre allarmanti, in pratica ogni ora nel nostro paese spariscono piú di 12 auto. Una buona parte viene recuperata, magari spolpata di parti meccaniche o della carrozzeria, oppure perchè utilizzata per compiere atti illeciti come rapine o scippi. Quelle piú prestigiose invece, pensiamo a Mercedes e BMW, spariscono per sempre destinate ai mercati dell’ est o del Nord Africa.

Insomma un bel danno economico per il proprietario e anche se è stata fatta un’assicurazione contro il furto una parte del valore non viene mai coperta dalla franchigia. Insomma occorre proteggere l’auto al massimo per evitare la sparizione. Come fare per evitare i furti? Come proteggere l’auto da atti vandalici? Possiamo fare qualcosa per proteggere la nostra auto? Ecco una serie di consigli redatti dai nostri esperti ed estrapolati anche da riviste di settore come Quattroruote.

furti auto

Custodirla in un garage

tenere la macchina in un ricovero notturno abbatte quasi del 100% la possibilità di subirne il furto. E’ chiaro che non possiamo avere la certezza completa, ma di sicuro l’auto non  in bella vista per strada. Se abbiamo a che fare con un modello particolarmente prestigioso ci sono ladri professionisti che non si spaventano di fronte alla porta di un garage, ma possiamo sicuramente rendergli la vita difficile usando catenacci e porte difficili da aprire. In piú conteremo magari su un antifurto per garage che aumenta la sicurezza.

Meglio ancora tenerla in un garage custodito a pagamento dove c’è una sorveglianza 24 ore su 25.

Antifurto per l’auto

i nuovi sistemi di antifurto sono veramente all’ avanguardia, specie quelli satellitari. Anche in questo caso non siamo sicuri al 100% perchè i ladri sollevano l’auto con il carro attrezzi anche con l’allarme che suona ed mettono la macchina in un tir schermato, li’ dentro il gps del’ auto non riesce ad inviare il segnale. Va da se’ che un auto parcheggiata vicino casa, con un allarme sonoro potente sveglia noi ed il vicinato allontanando il malfattore.

Anche i sistemi meccanici possono far molto. Il massimo sarebbe applicare un sistema meccanico ad uno elettronico, quindi vanno bene catene, blocca pedali o blocca sterzo. Per quel che riguarda un antifurto meccanico segnaliamo il Bullock, il famoso bloccapedali che continua a proteggere miglia di auto al giorno e la versione per bloccare il volante.

Utilizzare i localizzatori gps

coloro che hanno auto non particolarmente di valore possono comunque proteggerle dai furti senza spendere una fortuna. Questi piccoli localizzatori gps per auto sono grossi quanto un accendino, si nascondono dentro l’auto e sono dotati di sensori  di movimento e gps. Se lauto si muove inviano un SMS grazie alla sim card presente. Possiamo anche interrogarli e ricevere le coordinate di posizionamento della macchina. I tracker gps costano una cinquantina di euro e hanno autonomia anche di 96 ore. Ci sono anche

Dotare l’auto di una dashcam

le telecamere spia per auto sono molto piccoline, vengono installate sul parabrezza o sul cruscotto. Dotate di sensori di movimento, anche in questo caso inviano un segnale di allarme in caso di movimento ma anche tamponamento. Le dashcam per auto sono molto utili anche per riprendere le immagini di un temponamento quando abbiamo parcheggiato l’auto. Potremmo così risalire ai responsabili ed identificarli.

Parcheggiarla nel modo corretto

non sempre possiamo trovare il parcheggio che ci piace, specie se abitiamo nei centri in cui esistono problemi del genere. Magari perdiamo un po’ piú di tempo per trovare un parcheggio in un’area be trafficata, poco isolata, meglio ancora se di fronte ad un portone di un palazzo dove c’è un via vai di persone. I ladri non amano operare alla “luce del sole” o con la paura di essere scoperti.

Una macchina isolata, in una zona buia è facile preda di un ladro d’auto a cui basta veramente poco per aprirla e metterla in moto.

Auto rubata e riscatto

in alcune città è di modo rubare un auto per chiedere un riscatto. Non cedete e avvisate le forze dell’ ordine, si tratta di un reato molto grave, lo disciplina l’articolo 648 del Codice Penale come “ricettazione”. Sono previsti fino ad 8 anni di carcere e il pagamento di una multa.

La denuncia

se è sparita la vostra auto e avete appurato che non era parcheggiata male si tratta di furto. Avvisate subito le forze dell’ ordine e denunciate dettagliando bene il modello, la marca e meglio ancora il numero di immatricolazione. Chiedete che i dati di identificazione del veicolo siano immediatamente inseriti nella banca dati interforze, questo oggi è possibile anche senza aver sporto formalmente la denuncia di furto.  Se avete una foto dell’ auto allegatela.

Le regioni in italia in cui si rubano piú auto

Il record, tra le regioni, spetta alla Campania con i suoi 23.682 casi a seguire , grazie a Roma, c’è il Lazio con 18.709  macchine trafugate. Poi  la Puglia a 17.046 e il 45% di rinvenimenti. Poi c’è la Lombardia con 15.093 auto rubate (il 48% ritrovate), quinta la Sicilia a 14.535 e il 42% di ritrovamenti. E dire che in Valle d’Aosta sono state rubate solo 41 auto, di cui 15 recuperate e 26 volatilizzatesi. Quindi, in quella regione abbiamo in un anno un numero inferiore rispetto a quello delle auto rubate in un solo giorno in Campania (64). In Trentino Alto Adige ci sono stati 223 casi ed il 72% dei ritrovamenti.

Auto piú rubate

le utilitarie sono quelle piú attaccate, al primo posto la FIAT PANDA, a seguire 500, Punto e Smart.